Skip to main content

Francia: La polizia espelle minori migranti

Violazione della Protezione dei Minori e delle Leggi sull’Immigrazione

Un membro della polizia di frontiera francese controlla i documenti d'identità nel marzo 2021 alla stazione di Menton-Garavan, la prima stazione ferroviaria francese per chi viaggia tra Genova, in Italia, e Nizza, in Francia. © 2021 Sipa via AP Image

(Parigi) – Ogni mese, la polizia francese espelle sommariamente verso l’Italia dozzine di minori non accompagnati, violando leggi francesi e internazionali, ha affermato oggi Human Rights Watch.

Per consentire questi respingimenti, la polizia spesso registra nei documenti ufficiali età o date di nascita diverse da quelle dichiarate dai minori. Le autorità hanno anche sommariamente respinto adulti, comprese famiglie con minori, senza dire loro che avevano il diritto di richiedere asilo in Francia.

“La polizia di frontiera francese non ha l’autorità legale per decidere chi è minorenne e chi no,” ha dichiarato Bénédicte Jeannerod, direttrice per la Francia a Human Rights Watch. “Invece di dare giudizi affrettati, sulla base di apparenze o capriccio, la polizia dovrebbe riferire i giovani alle autorità di tutela per i minori per un’assistenza appropriata.”

A fine novembre 2020, Human Rights Watch ha intervistato sei minori non accompagnati rimandati in Italia, che hanno affermato di aver riferito alla polizia di frontiera francese di avere meno di 18 anni. Ad ogni modo, anche se i ragazzi avevano dichiarato la loro età e, in alcuni casi, offerto prove documentali, le autorità francesi hanno registrato le loro date di nascita implicando che fossero adulti. Human Rights Watch ha anche parlato con 27 adulti respinti sommariamente dalla Francia. Le autorità francesi non hanno detto a nessuno dei minori o degli adulti intervistati che potevano richiedere asilo in Francia.

Inoltre, tra novembre 2020 e marzo 2021, Human Rights Watch ha intervistato di persona e a distanza volontari e personale di gruppi di assistenza, avvocati e altri che lavorano da entrambi i lati della frontiera franco-italiana.

Molti di queste respingimenti hanno luogo al valico di confine tra Mentone, un paese francese a circa 30 km da Nizza, e Ventimiglia, sulla costa italiana. La polizia porta i bambini e adulti entrati irregolarmente in Francia al posto di frontiera di Pont Saint-Louis e ordina loro di attraversare la frontiera verso l’Italia.

Gruppi non governativi che lavorano al confine tra Francia e Italia hanno detto a Human Rights Watch che esperienze del genere sono comuni. Il personale di Diaconia Valdese e WeWorld, associazioni italiane che forniscono supporto legale per i migranti a Ventimiglia, hanno affermato di vedere casi di questo tipo quasi ogni giorno.

Durante le prime tre settimane di febbraio 2021, i volontari di Kesha Niya, una mensa comunitaria a Ventimiglia che offre dei pasti e la possibilità di ricaricare i telefoni cellulari a persone respinte dalla Francia, hanno raccolto le testimonianzei di più di 60 minori non accompagnati che hanno affermato di essere stati respinti dalla Francia. Il personale ha inoltre raccolto almeno 30 testimonianze di questo tipo ogni mese da dicembre ad aprile.

In ciascun caso, i minori hanno mostrato ai volontari i documenti che attestano il rifiuto di ingresso su cui la polizia francese ha scritto date di nascita false. Human Rights Watch ha visionati molti di questi documenti, inclusi quelli di due ragazzi sudanesi che hanno dichiarato di avere 17 e 16 anni, ma per cui la polizia francese ha indicato rispettivamente 27 e 20 anni.

Le persone fermate di sera, inclusi i minori, spesso sono trattenute la notte in una delle tre unità prefabbricate, ognuna circa della misura di un container, prima di venire respinte verso l’Italia. Minori e adulti hanno riferito che, in queste celle, erano spesso affamati e infreddoliti.

Gli spazi ristretti non offrono possibilità di distanziamento sociale, come consigliato dalle linee guida francesi per la salute pubblica durante il Covid-19. Gli adulti e i minori intervistati hanno affermato che le autorità francesi non forniscono mascherine o altri dispositivi di protezione ai detenuti.

Alcuni minori e adulti hanno anche detto che la polizia francese non ha restituito tutto i loro effetti personali prima del respingimento, compresi documenti, telefoni con recapiti e, in alcuni casi, denaro.

Il Consiglio di Stato, la più alta corte francese per questioni di diritto amministrativo, ha riconosciuto in una sentenza del 23 aprile che le condizioni di detenzione nelle unità prefabbricate erano “suscettibili di minare la dignità umana”, ma ha concluso che questo rischio non soddisfaceva l'elevato limite legale richiesto per ordinare la loro chiusura immediata.

La legge francese permette alla polizia di frontiera di usare una procedura accelerata, conosciuta come “rifiuto di ingresso” per respingere le persone che arrivano dall’Italia mentre sono in vigore i controlli all’interno dei confini UE. La Francia ha ristabilito i controlli alle frontiere dell’UE nel novembre 2015, appena prima che una serie di attentati e sparatorie a Parigi uccidesse 130 persone.

Poiché che gli agenti di frontiera italiani non accettano minori non accompagnati, i loro omologhi francesi dovrebbero trasferirli alle autorità francesi per la tutela dell’infanzia. La polizia francese è obbligata a offrire a chiunque, anche ai minori non accompagnati, la possibilità di richiedere asilo in Francia, se lo richiedono.

I gruppi che lavorano a Ventimiglia hanno dichiarato che le autorità francesi hanno respinto tra le 80 e le 120 persone ogni giorno tra luglio e fine ottobre, sia adulti che minori. Quando, a fine ottobre, Italia e Francia hanno imposto nuove restrizioni sui movimenti in risposta alla pandemia Covid-19, il numero di respingimenti è sceso a una media di 50-70 al giorno, hanno affermato. Nei mesi seguenti, i gruppi hanno notato una variazione considerevole del numero di respingimenti giornalieri, con hanno superato i 100 in alcuni giorni. Hanno inoltre detto che vengono espulsi anche minori non accompagnati quasi tutti i giorni.

Negli ultimi anni, il governo francese ha ricevuto numerosi avvertimenti sul fatto che questi respingimenti spesso violano le leggi francesi e quelle internazionali sui diritti umani. A ottobre, un rapporto congiunto di Amnesty International e 10 altre organizzazioni non governative ha rilevato numerosi casi in cui la polizia francese ha scritto date di nascita errate su documenti di respingimento e poi ha espulso giovani che avevano dichiarato di avere meno di 18 anni.

La Commissione Consultiva Nazionale sui Diritti Umani francese, inoltre, ha documentato l’uso da parte della polizia di date di nascita false per espellere minori non accompagnati da Mentone a Ventimiglia. Talvolta, i tribunali francesi hanno ordinato alla polizia di permettere ai minori di rientrare in Francia, una volta scoperto che le autorità avevano scritto date di nascita false sui documenti di espulsione.

Le autorità francesi dovrebbero ordinare alla polizia di frontiera di rispettare la legge francese e di accettare l’età dichiarata da una persona se ci sono ragionevoli possibilità che sia un minore. I minorenni dovrebbero essere trasferiti alle cure delle autorità francesi per la tutela dei minori.

Inoltre, le autorità francesi dovrebbero assicurarsi che le strutture di detenzione per adulti al confine forniscano condizioni che siano sicure, igieniche e rispettose della dignità umana nel rispetto degli standard minimi per i diritti umani. I minori non accompagnati e le famiglie con bambini non dovrebbero essere trattenuti nelle celle al confine.

Le autorità italiane dovrebbero chiedere alle persone respinte dalla Francia se le informazioni sui loro documenti di rifiuto di ingresso sono corrette e dovrebbero offrire, a chi dichiara di avere meno di 18 anni e di non essere accompagnato, la possibilità di essere trasferito alle cure delle autorità italiane di protezione dei minori o di tornare in Francia per essere assistiti dal sistema di protezione dei minori francese, afferma Human Rights Watch. Inoltre, le autorità italiane dovrebbero assicurarsi che chiunque sia respinto dalla Francia, adulto o minore, abbia cibo, riparo, vestiti e l’assistenza medica necessaria mentre si trova in Italia.

“Le condizioni di detenzione nelle celle di frontiera di Mentone sono offensive per persone di ogni età. Per i minori, possono essere traumatizzanti”, ha affermato Jeannerod.

Per ulteriori dettagli, si prega di consultare sotto.

Il ricercatore di Human Rights Watch ha intervistato adulti e minori migranti in inglese, francese e italiano, a seconda della loro preferenza, in alcuni casi assistito da un’applicazione per la traduzione. Per esempio, un ragazzo somalo di 17 anni ha risposto a voce in inglese dopo aver ascoltato le domande in inglese e averle lette in somalo; analogamente, Human Rights Watch ha verificato la comprensione del racconto fatto in inglese da un uomo dell’Azerbaigian traducendo con l’applicazione le domande di approfondimento in russo. Tutti i nomi dei minori sono stati cambiati per salvaguardare la loro privacy.

La polizia francese falsifica date di nascita

Asif F., 17 anni, dal Pakistan, ha detto di essersi registrato come minorenne presso le autorità italiane in Sicilia. “Quando la polizia francese mi ha fermato, ho detto di essere un minore,” ha affermato. Ciononostante, la polizia francese ha segnato il 2000 – tre anni prima di quello che aveva indicato - come il suo anno di nascita sul documento di rifiuto, lo hanno trattenuto la notte e poi espulso.

Due ragazzi afghani, entrambi di 15 anni, hanno detto che la polizia francese li ha registrati come diciottenne e diciannovenne, per poi rimandarli in Italia. Tawfiiq M., 17 anni, dalla Somalia, ha affermato che la polizia ha ignorato i suoi tentativi di spiegare che non era maggiorenne e ha scritto sul suo documento di rifiuto di ingresso che aveva 20 anni. Human Rights Watch ha visionato i documenti di rifiuto di ingresso di due ragazzi sudanesi che hanno detto di avere 17 e 16 anni, ma che sono stati registrati come adulti di 27 e 20 anni.

Human Rights Watch ha sentito che casi del genere sono comuni. Costanza Mendola di Diaconia Valdese, il gruppo di assistenza legale a Ventimiglia, ha detto che, a ottobre, la sua organizzazione ha registrato più di 50 respingimenti sommari di minori non accompagnati, “quasi tutti con date false sui refus d’entrée.” Anche WeWorld, l’altra organizzazione di assistenza legale intervistata, ha documentato casi di questo tipo.

Nella prima metà di novembre, i volontari di Kesha Niya, la mensa comunitaria che opera ogni giorno lungo la strada vicino al posto di frontiera, hanno visto almeno 14 ragazzi non accompagnati che hanno dichiarato di avere tra i 14 e i 17 anni. Tra questi, uno della Costa d’Avorio, un altro della Guinea, il terzo del Sudan e il quarto della Tunisia, hanno detto di essere registrati come minorenni in Italia, ma che le autorità italiane non hanno controllato la banca dati dopo che la polizia francese li aveva respinti sommariamente. Tre ragazzi della Costa d’Avorio hanno detto che la polizia francese ha ignorato le foto dei loro certificati di nascita che hanno mostrato. Altri due hanno riferito che la polizia francese non ha restituito i loro certificati di nascita prima del respingimento.

Per tre giorni alla fine di novembre, i volontari di Kesha Niya hanno visto 12 ragazzi non accompagnati che hanno dichiarato di essere minorenni. Un gruppo di sei ragazzi afghani ha detto che la polizia francese non ha restituito i documenti che dimostravano che i ragazzi, al loro arrivo in Austria, avevano dichiarato alle autorità di essere minorenni. Gli altri ragazzi - dalla Costa d’Avorio, dall’ Iran e dal Sudan - hanno tutti detto che la polizia francese ha scritto date di nascita incorrette sui loro documenti di rifiuto di ingresso.

A dicembre, gennaio e febbraio, i volontari di Kesha Niya hanno visto almeno 30 minori non accompagnati respinti dalla Francia ogni mese. In un solo giorno, a fine febbraio, i volontari hanno parlato con 9 ragazzi non accompagni che erano stati respinti sommariamente quella mattina.

Le associazioni che lavorano a Ventimiglia hanno iniziato a vedere un numero significativo di queste espulsioni sommarie da gennaio 2018, quando le sentenze del Tribunale Amministrativo di Nizza hanno riscontrato che la polizia francese non stava osservando le garanzie per la protezione dei minori. Quell’anno, l’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione (ASGI), Diaconia Valdese e Oxfam hanno descritto le espulsioni sommarie di minori non accompagnati come “sistematiche”.

Human Rights Watch ha documentato tali pratiche altrove lungo il confine franco-italiano, ma non con la frequenza registrata nel dipartimento delle Alpi Marittime.

A volte, le autorità italiane hanno controllato le banche dati per verificare se una persona era stata registrata come minore al suo arrivo. In questi casi, hanno rifiutato di accettare il minore dalle autorità francesi. In un caso, tuttavia, quando Human Rights Watch ha accompagnato un rappresentante di WeWorld al posto della polizia di frontiera italiana per notificare che un minore era stato espulso impropriamente, l’agente incaricato ha detto che le autorità italiane considerano corretta la data di nascita fornita dalle autorità francesi a meno che la persona non abbia un certificato di nascita o altra prova della sua età.

Colomba, un consulente legale di WeWorld ha affermato: “La maggior parte delle volte quando riportiamo un minore alla stazione di frontiera [italiana] in casi come questo, la polizia accetta di controllare le impronte digitali. Il minore viene riportato in Francia se la ricerca dell’impronta digitale mostra che si era registrato [in Italia] come minorenne. Dopo il Covid, però, c’è stato un cambiamento. Spesso si rifiutano di controllare la banca dati.”

Anche se non c’è una ragione evidente perché la pandemia possa influenzare la capacità delle autorità italiane di controllare le loro banche dati, Colomba ha detto che sembrano usare il Covid-19 come pretesto per rifiutare di farlo.

Se sforzi come questi non hanno successo, gli avvocati in Francia hanno ottenuto ingiunzioni che obbligano la polizia francese ad accettare i minori non accompagnati che avevano respinto in precedenza. Il processo legale può durare diverse settimane.

Poiché i minori non sempre dichiarano la loro vera età all’ arrivo in Europa, la sola verifica tramite la banca dati italiana non è sufficiente. Per esempio, Jamal I., un diciassettenne sudanese, ha detto a Human Rights Watch di aver dichiarato di essere un adulto al suo arrivo in Italia, credendo che avrebbe potuto viaggiare e lavorare più facilmente se le autorità avessero creduto che avesse 18 anni. Altri possono dare risposte incorrette o essere fraintesi se le autorità li intervistano senza interpreti competenti.

Rinchiusi durante la notte in celle affollate senza cibo

Dopo le 19, quando gli agenti di frontiera italiani non accettano più espulsioni dalla Francia, la polizia francese trattiene durante la notte le persone fermate e trasferite alla stazione di confine di Saint Louis. Gli uomini adulti sono trattenuti in “unità modulari” prefabbricate, strutture temporanee delle dimensioni di un container. Il Controllore Generale dei Luoghi di Privazione della Libertà francese, in una visita nel 2017, ha osservato che ogni unità modulare era di 15 metri quadrati (160 piedi quadrati).

Donne e bambini, compresi i minori non accompagnati, dovrebbero essere tenuti in celle separate all’interno della stazione frontaliera, ma i ragazzi ritenuti adulti dalla polizia francese passano la notte con gli uomini adulti. Tawfiiq M., un diciassettenne somalo, ha detto di aver passato la maggior parte della notte in una cella detentiva per uomini adulti. “Non ci hanno dato cibo”, ha detto, aggiungendo di aver passato gran parte della notte in lacrime per lo stress di essere rinchiuso con uomini che non conosceva.

Descrivendo le celle di detenzione per uomini adulti, un diciannovenne tunisino ha detto: “Fa freddo. Non c’è molto cibo. Non c’è posto per sedersi”. Un uomo di 29 anni del Mali ha affermato: “È come uno potrebbe immaginarsi il caveau di una banca. Non è grande. Dentro eravamo almeno in 20. Non c’è abbastanza spazio per stare separati, nessuna possibilità di distanziamento sociale. Non è sicuro”.

“I giovani possono passare anche 13 ore in questo posto, senza coperte, senza letti, senza luci di notte, senza prese elettriche per ricaricare i telefoni”, ha detto Zia Oloumi, un avvocato a Nizza. “In media, le persone passano cinque ore e mezza in questo posto, privati della loro libertà e senza conoscere i loro diritti”.

“Quando sono detenuti, non c’è alcun interprete e non hanno informazioni sui loro diritti”, ha detto Emilie Pesselier, che segue gli sviluppi alle frontiere francesi con altri Paesi europei per l’organizzazione non governativa Anafé. “Se chiedono di chiamare un avvocato o un parente e se chiedono assistenza medica o asilo al confine, la maggior parte delle volte queste richieste sono ignorate”.

I minori e gli adulti trattenuti in celle di detenzione hanno detto di non aver ricevuto assistenza medica dopo averla richiesta e altri gruppi lo hanno confermato. “Le persone che richiedono dottori o avvocati non possono vederli”, ha affermato Agnés Lerolle, che gestisce Cafi, un’iniziativa congiunta sui diritti dei migranti di Amnesty International, La Cimade, Médecins du Monde, Médecins sans Frontières, e Sécours Catholique.

“Se vogliono prendere delle medicine dalle loro valigie, non possono accedervi”, ha detto un volontario di Kesha Niya. In un’ordinanza del 30 novembre il Tribunale Amministrativo di Nizza ha osservato la mancanza di accesso all’assistenza medica per persone trattenute in celle, tra altre carenze.

In una revisione del 2018 delle celle al confine di Mentone, il Controllore Generale dei Luoghi di Privazione della Libertà ha osservato che sia le unità prefabbricate che la stanza per donne e minori non accompagnati “non beneficiano delle dotazioni di base (illuminazione, riscaldamento, aria condizionata, sedie, materassi, coperte)”. Allo stesso modo, un documento informativo del 2018 di ASGI, Diaconia Valdese e Oxfam ha osservato che adulti e bambini sono stati trattenuti “in condizioni di affollamento, senza cibo o acqua, coperte o materassi, senza alcuna informazione su cosa stesse succedendo” prima della loro espulsione in Italia la mattina successiva. La Commissione Consultiva Nazionale sui Diritti Umani francese ha fatto appello per la chiusura delle unità prefabbricate nel 2019.

Dalle testimonianze che Human Rights Watch ha raccolto, poco sembra essere cambiato negli anni seguenti. Un video girato a novembre all’interno di una di queste celle, visionato da Human Rights Watch e poi pubblicato sulla pagina Facebook di Kesha Niya, mostra persone sedute o distese su panche di metallo, senza coperte o materassi, condizioni che corrispondono alle osservazioni del 2018 del Controllore Generale.

A luglio 2017, un giudice del Tribunale Amministrativo di Nizza ha decretato che le persone non dovrebbero essere trattenute più di quattro ore nelle unità prefabbricate, il tempo massimo concesso dalla legge francese alle autorità per trattenere qualcuno per verificarne l’identità. Il Consiglio di Stato, il più alto tribunale francese per questioni di diritto amministrativo, ha confermato queste conclusioni. “Questi non sono luoghi per detenzioni di lunghi periodi. Giuridicamente parlando, sono un buco nero”, ha detto il consulente legale di WeWorld, Jacopo Colomba.

In un chiaro tentativo di evitare di applicare la decisione del tribunale, le autorità francesi ora descrivono le celle come luoghi di “riparo” (mise à l’abri) invece che di detenzione. Questo espediente eufemistico che non ha basi legali, ha detto Zia Oloumi, avvocato a Nizza, giudizio condiviso da altri avvocati che hanno parlato con Human Rights Watch. “Alla fine, è chiaro che si tratta di detenzione” ha detto Pesselier, di Anafé. “Le persone trattenute lì non sono libere di andarsene”.

“Per le persone che si trovano in uno stato psicologico fragile, una detenzione in queste condizioni può essere particolarmente difficile”, ha detto Lerolle.

La polizia francese confisca documenti, telefoni e denaro

Sei adulti respinti sommariamente dalla Francia hanno riferito a Human Rights Watch che la polizia francese non ha riconsegnato i loro documenti d’identità. La loro versione è in linea con altre testimonianze di esperienze simili.

Un ventunenne nigeriano che aveva fatto domanda di asilo in Francia ha riferito che, quando la polizia francese lo ha fermato mentre tornava da una breve visita in Italia, “la polizia frances ha preso la lettera che dimostrava che avevo fatto domanda di asilo.”

“È piuttosto comune che la polizia francese prenda questi documenti”, ha detto Colomba. “Inoltre, abbiamo sentito che la polizia francese ha preso carte d’identità e permessi di residenza emessi dall’Italia e da altri Paesi dell’UE”. Amnesty International, Anafé, La Cimade, Médecins du Monde, Médecins sans Frontières, Sécours Catholique e altri gruppi hanno anche denunciato la confisca e la distruzione di documenti d’identità da parte della polizia francese a Mentone e dintorni.

Quattro persone, tra cui un ragazzo di 17 anni, hanno detto che la polizia francese ha confiscato e non ha restituito i loro telefoni, il denaro e gli altri effetti personali. In un caso del genere, un uomo adulto dell’Azerbaigian ha detto che la polizia francese ha preso il suo denaro e il suo telefono quando lo ha fermato mentre stava camminando lungo i binari tra Ventimiglia e Mentone. “Nel telefono avevo tutti i miei contatti”, ha affermato.

Pochi servizi per migranti a Ventimiglia

Un centro di accoglienza a Ventimiglia gestito dalla Croce Rossa, il campo Roja, ha smesso di accettare nuovi arrivi a maggio 2020 per prevenire la diffusione di Covid-19. A luglio, il campo ha chiuso. Da allora, minori e adulti che vengono respinti in Italia spesso devono dormire nelle strade di Ventimiglia.

I pochi servizi per i migranti a Ventimiglia sono in gran parte iniziative di gruppi religiosi o umanitari. Un rifugio per famiglie con bambini opera in un edificio di proprietà della parrocchia locale. La mensa comunitaria di Kesha Niya è un’iniziativa di volontari supportata da donazioni. A fine febbraio, Save the Children e Caritas hanno aperto un centro diurno per minori non accompagnati e famiglie.

In accordo con il diritto umano a un tenore di vita adeguato e la raccomandazione del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa che gli Stati “dovrebbero riconoscere, nella loro legislazione e nella loro pratica, un diritto alla soddisfazione dei bisogni materiali di base di qualsiasi persona in situazione di estrema difficoltà”, l’Italia dovrebbe assicurare che minori e adulti respinti dalla Francia abbiano accesso a cibo, alloggio, vestiti e assistenza medica adeguati, anche a Ventimiglia.

Controlli di frontiera eccezionali; rifiuto di ingresso

Libertà di movimento nell’Unione Europea significa, in principio, che le persone che viaggiano tra Italia e Francia non sono soggette ai controlli di frontiera. Ma la Francia ha ristabilito questi controlli nel novembre 2015, appena prima che gli attacchi a Parigi uccidessero 130 persone. Le autorità inizialmente avevano giustificato questi controlli come misure precauzionali prima della Conferenza sul Clima di Parigi nel 2015. Da allora, hanno rinnovato regolarmente i controlli di frontiera ogni sei mesi, usando altre motivazioni. Mentre la reintroduzione dei controlli dei confini terrestri è in vigore, le persone entrate in Francia irregolarmente possono essere soggette a una procedura accelerata di “respingimento” (refus d’entrée), se fermati dalla polizia entro 10 km dal confine con un altro Stato membro dell’UE.

Una riforma delle leggi sull’immigrazione e l’asilo del settembre 2018 ha eliminato una garanzia procedurale conosciuta come il jour franc, che dava alle persone trattenute vicino o alla frontiera per violazioni della legge sull’immigrazione un giorno per cercare assistenza legale prima dell’espulsione.

Inoltre, le autorità francesi possono effettuare controlli sull’immigrazione entro 20 km da un confine terrestre con un altro Stato membro dell’UE, così come in stazioni ferroviarie internazionali, porti e aeroporti. Le persone trovate in Francia irregolarmente non dovrebbero essere respinte se si trovano a più di 10 km dalla frontiera, ma le autorità francesi possono applicare un “processo di riammissione” separato per rimandarle in Italia, secondo un contestato accordo bilaterale tra Francia e Italia, conosciuto come accordo di Chambéry. Tutti gli intervistati sembrano essere stati espulsi con il processo di respingimento.

Il processo di respingimento si basa sulla finzione giuridica che le persone nel territorio francese entro 10 km dal confine non sono “entrate” in Francia, proprio come la legge francese considera le persone trattenute negli aeroporti francesi come in “zone di transito” (zones d’attente) in attesa di entrare legalmente in Francia, anche se sono trasferiti in ospedali o hotel. In teoria, le persone a cui viene rifiutato l’ingresso hanno il diritto di richiedere asilo in Francia.

Prima del febbraio 2018, la polizia francese respingeva queste persone senza alcuna procedura. Dopo che il Controllore Generale dei Luoghi di Privazione della Libertà ha raccomandato nel settembre 2017 una “fine immediata” a quelle che aveva concluso essere “pratiche illegali di refoulement [ritorno forzato]”, la prefettura ha ordinato che chiunque fosse detenuto per possibili violazioni delle leggi sull’immigrazione dovesse essere portato alla stazione frontaliera di Saint-Louis per un’inchiesta e, se giustificato, che potesse venire emesso un documento di rifiuto di ingresso.

Prima di rifiutare l’ingresso, le autorità dovrebbero emettere un rifiuto scritto alla persona trovata in Francia irregolarmente, in una lingua che l’individuo conosce, e dovrebbero informarla del suo diritto di richiedere asilo e di fare ricorso al respingimento, tra altri diritti. Si può rifiutare l’ingresso ai minori, ma dovrebbe essere nominato un tutore. Questa salvaguardia non sembra venire osservata nella prassi.

Ai sensi della Direttiva Europea sulle Procedure d’Asilo e del Regolamento UE Dublino III, i minori non accompagnati che hanno fatto richiesta d'asilo in Francia non dovrebbero essere rimandati in Italia. In aggiunta, secondo il Regolamento Dublino III, i minori non accompagnati con parenti in Francia hanno il diritto alla riunificazione familiare, ciò significa che nemmeno quei minori dovrebbero essere rimandati in Italia.

A luglio 2020, il Consiglio di Stato, il più alto tribunale francese per questioni di diritto amministrativo, ha confermato che ai richiedenti asilo non dovrebbe essere rifiutato l’ingresso finché le loro domande di asilo non vengono valutate.

I minori e gli adulti intervistati da Human Rights Watch non erano stati informati del loro diritto di richiedere asilo, né era stata data loro possibilità di farlo. “Le persone che dicono di voler richiedere asilo vengono respinte come tutti gli altri alla frontiera”, ha detto Mireille Damiano, avvocata a Nizza. “Nella stragrande maggioranza dei casi, la risposta della polizia è che le persone che vengono dall’Italia dovrebbero aver fatto richiesta d’asilo in Italia”, ha detto.

“In pratica, nessuno è in grado di rivendicare il diritto di asilo”, ha affermato Lerolle.

Your tax deductible gift can help stop human rights violations and save lives around the world.

Region / Country